2001 - Mare e Monti - 13-14 ottobre

  

Report:
“Marcello "Cillo" Mauri" - “Tiberio "Tibi" Boido" - “Stefano "Barba" Cerri" - “Luciana "Nonna" - “Andrea "AndRe" Crosetti" - “Annalisa "Mirandolina" Napoletano" - Fabio "Ruggi" Ruggerone

Foto:
Materiale non reperito a causa delle cancellazioni dei vecchi siti tipo "supereva" e similari ma se qualcuno ne dovesse avere chiedo di essere informato in modo da impostare un link.
Grazie


“Marcello "Cillo" Mauri" 

Complimeti a Andrea e Paolo, che hanno organizzato tutto per il meglio, dal vitto, all'alloggio ed ultimo ma non per importanza il percorso davvero 

fantastico, panorami splendidi e uno sterratino semplice ma molto divertente.
Il tempo è stato dalla nostra, regalandoci due splendide giornate praticamente estive, ma con il cielo terso che caratterizza i mesi autunnali. La compagnia 

davvero incredibile, eravamo un bel gruppone molto affiatato, siete stati davvero forti, è stato un piacere conoscervi finalmente di persona, e spero che 

presto si possa organizzare un'altro incontro con tutti voi.
Grazie a tutti per la compagnia e la simpatia; spero che il rientro sia avvenuto per tutti senza problemi e di vedere presto le foto scattate.

Saluti a tutti
Marcello & Emy TA tutto nero (GE)


“Tiberio "Tibi" Boido" 

..e quando dico che culo.. non intendo quello di avvenete signora senese rimasta famosa per la frase: sto hazzo di zaino m'ha rotto hoglioni!!!
E non intendo neanche avvenente Bolognese dalle tette morbide e dal cuore di marmo (anche se spererebbe il contrario), rimasta famosa per la frase: Ma gardate che zzielo c'e staseeeera!!!!
Il culo a cui mi riferivo era per le condizioni metereologiche, che ci hanno accompagnato per questi 2 spettacolari giorni. E non mi uniro' al coro ululante che dira'.. ma che compagnia stupenda.. ma che bello conoscervi.. ma che belle serate.. ma che amicizie.
Voglio dirvi la cruda verita' a voi rimasti a casa.

Intanto per riuscire a riunire tutta la truppa ... siamo arrivati al punto di entrare col TA nella stanza tosco emiliana in clamoroso ritardo. (alle rimostranze del padrone della locanda... He!!! ma insomma!!!, gli e' stato risposto... ma no.. non si preoccupi.. non stavo entrando.. non passo per via degli specchietti!!!).

Poi... sappiate che il connubio... organizzo un incontro e rendo ricchi i parenti.. coninua!!! Sabato sera un omaccione nerboruto mentre ci rimpinzava di polenta cinghiale vitello e funghi porcini.. ammetteva di aver mescolato due vini per ottenere la bevanda che ci stava rifilando.

LA quale bevanda ha sortito i seguenti effetti:
- Stefano ha viaggiato sotto i tavoli urlando.. io sono qui'.. chi c'e'c'e'!!!
- Due signorine umidiccie gia' fin dal mattino e note ladre di t-shirt (!!!!) si esibivano col solito anziano regista nelle posizioni 1235 e 1236 del Kamasutra, dette dello scavalcamento forzato!!!
- Acme, pur ammettendo di essere innamorato di Barba, si e' rifiutato di baciarlo.... (poi viene da me a chiedermi cosa fare con le donne!!!)
- Due innocenti cavallini di plastica, sono stati messi in posizione perlomeno poco ortodossa, in bella mostra... combinazione all'inizio del tavolo, nella sezione tosco-emiliana.

MA se devo (e devo e voglio) essere onesto fino in fondo... anche il giorno dopo sono proseguiti gli effetti:
- i milanesi hanno cominciato a guidare come tutti gli altri.. e non li abbimao dovuto aspettare
- il gruppo ha cercato di isolare e disperdere 3 moto... combinazione tutte e 3 TA mod. 2000 (le uniche3). Forse qualcuno non ci ha fatto caso.. ma io si!!!!
- Fabri ha tappezzato chilometri e chilometri di strade con degli scarichi non proprio ortodossi...
- Gio Guitar ormai chiamato jonholmes ha "legato" in modo particolare con le 2 succitate tosco-emiliane... solo che poi le ha slegate (scemo.. dovevi lasciarle cosi'!).
- l'anziano regista ha stupito Acme mangiando una Coppa del Nonno (niente battute idiote!!!) ancorata al manubrio.. mentre con una mano faceva i tornanti e con l'altra usava il cucchiaino.

Insomma.. come sempre la verita' ha due facce... ed ora beccatevi pure tutti gli elogi da parte dei partecipanti... ma sappiate che l'Incontro Liguria e' unico nel suo genere. Pensate che sono cosi' tirchi che hanno stampato le cartine per tutti meno che per il "chiudicolonna" ligure, il quale ci ha portato per sbaglio fino in provincia di Piacenza (vero!!! giuro!!!) ma il tutto fermandosi ad ogni bivio, chiedendo la cartina a me... girandola e rigirandola salvo poi dire... il mio cellulare non prende.. mi presti il tuo? (bisogna proprio essere Liguri!!!!)

Invece bisogna essere proprio scemi per essere stati a leggere fin qui'... come del resto altrettanto scemi potete considerarvi Voi che a qualsiasi titolo e motivo non siete venuti a vivere 2 giorni fantastici!

Come vedete la verita' ha sempre 2 facce.

tiberio-poetadelsurrealedettoanchefaccinadiminchia-torino


“Stefano "Barba" Cerri"

Tibi sei grande, direi uno splendido report al quale non si può aggiungere nulla anzi si può solo confermare tutto.
Un ringraziamento ancora ad Andrea che, anche se si è fatto il casco nuovo, ci ha fatto trascorrere due splendide giornate in una zona fino ad oggi a me sconosciuta.
Un bacio a tutte le fanciulle intervenute e un applauso/mezzo a chi è stato a casa.

BarbaabbastanzaubriacoilsabatoseramalaTAvadasola.


“Luciana "Nonna"" 

Quando Roberto è rimasto senza benzina ..
Quando Aldo e Luciana sono rimasti senza soldi ..
Quando Barba ha fatto un tuffo fantastico sotto il tavolo ..
Quando abbiamo giocato al Grande Fratello ..
Quando Massimo mi ha detto " nonna di merda "
Quando ho guidato la moto di AAAAAAcme
Quando Fabry è diventato verde perchè lo ha sorpassato uno sputerrr
Quando Fabry ha cambiato tonalità di verde quando lo sorpassavano le stradali ..
Quando su quel ca@@o di autostrada di Serravalle ho pensato " qui non ci esco viva "
Quando mi sembrava di essere in un poster del Colorado ..
Quando andavamo ai 30 all'ora prima dell'ultimo compattamento ..
Quando Cinzia piangeva ...
Quando Barba non riusciva a baciare AAAAAcme
Quando Barba ha baciato tutti gli altri ...
Quando quelli di Novara li ho sentiti dire : Ma io pensavo che su Gianduja
scherzassero quando scrivevano , ma qui sono tutti matti davvero !!
Quando per due giorni ci siamo scordati della guerra .

Grazie a tutti .

Luciana e Aldo


“Andrea "AndRe" Crosetti"

Salve a tutti, a chi c'era e soprattutto a chi non c'era, che inizi pure a rosicare ;)
I ringraziamenti:
A Tiberio, Acme, Barba e Fabri che hanno agevolato i passaggi del colonnone di 16 moto a tutti gli incroci facendo dei veri blocchi stradali.
A Paolo, che nonostante si sia perso una volta (già una volta cmq quella zona ti è stata maligna, ad agosto, ricordi? mi raccomando al bivio a DX e tu... dritto!!!!) ha chiuso la colonna.
A tutti quelli che c'erano, perché è stato veramente fantastico!
A quelli che non c'erano perché all'agriturismo abbiamo già così dormito in 6 in un letto ;) figuratevi fossero venuti altri!

La storia:

Non saprei dire come e quando mi è venuta in mente questa idea di portare appresso per le mie valli, soprattutto portare a mangiare dai miei parenti, ;) un gruppo di motociclisti scalmanati! Forse al Garda dell'anno scorso, quando le condizioni atmosferiche esterne mi fecero annacquare lo ciervello e iniziai ad avere strane idee per la testa... tipo organizzare un incontro LISSTA.
Il problema di base è stato il superare la barriera di chiodismo dei possibili partecipanti liguri, che notoriamente non partecipano alla vita comunitaria di qualsiasi genere in alcun modo. Fortunatamente si è cmq riuscito a mettere su un gruppetto, tra cui i piùinvasati sono il buon Palo e Marcello con la mitica Emy, che da qui in avanti verrà chiamata Rocky, per i pugni che sferra al fidanzato quando viene portata a girellare su sterrati (vi sono numerosi testimoni oculari e quindi è inutile che ti nascondi!!!).
Bene.
Dopo aver assicurato l'albergatore, i miei parenti di casa del romano ed il tizio traccagnotto dell'agriturismo di Villa Cella della presenza di almeno 20 persone, ed aver incassato la percentuale, mi sono comprato il caco nuovo.
Quindi che si sappia pure in giro: chi organizza incontri LISSTA ci guadagna sopra (????) e si compra di conseguenza accessori nuovi per sé o la moto. Chi il casco, chi le valigie, chi magari in futuro una frusta con le lucine stroboscopiche sulla coda o un vibratore multiuso a 6 marce con motore Honda 600cc.
Magari il prossimo lo può organizzare il Fabio Ruggerone, così compra un caso decente alla zavorrina, che viene mandata in giro con un casco di cartone con su scritto NAVA a pennarello.
Casi umani a parte, io ed il buon Paolino ci troviamo come d'appuntamento in ritardo di 10 min in p.zza della Vittoria, qui a Genova un po' per il casino del Salone nautico, un po' perché io sono sempre in ritardo e non volevo smentirmi. Logicamente scordo a casa gli occhiali e le lenti di ricambio e devo tornare alla magione alla velocità della luce. Ci dirigiamo quindi a velocità al limite del ritorno indietro col tempo verso Arquata Scrivia, logicamente passando per strade sconosciute ai più e poco frequentate.
Paolo va a comprarsi i panini (ma non potevi comprarli il giuorno prima, cazzo!) io saetto all'uscita di Arquata dove giungo, con un pronosticato ritardo di 10 min, alle 11.10. Mi aspettano ancora annebbiati parte dei Gianduja, con i quali si inizia un animato sfottimento.
Poco dopo si sente il rombo del Fabri VFR in tenuta antisommossa con casco residuato belli di anni andati da endurista. Presenti al primo appello erano: io, Barba, Gioguitar, Paolo, Alberto con zavorra, Ros, Aldo e Luciana con F 650, Marco con Dominator, Fabrizio, Tiberio, Valentina e Marco. Arriva poi Acme con Dario e Mirandola. Giunge Paolo.
"Ok si va" "e no dovrebbe arrivare Massimo di Siena!" " a si aspe che gli telefono" " non risponde" "ho il num di cell della Cinzia!" "No, ma non risponde"
Questa pantomima fino alle 12...
Al che si prende l'ardua decisione di mandare un SMS ai due toscanazzi e iniziare lo giro.
La Val Borbera quindi ci accoglie prima con la sua bassa valle, praticamente pianura, poi, d'un tratto con i suoi Canyon. Ancora le dolci colline e poi le alte montagne, al confine tra Liguria e Piemonte.
La strada si fa stretta, umidina, ma il sole promette caldo ed arrivati in coma, per il noto fenomeno dell'inversione termica, a 1600 m fa veramente caldo!!!
I miei parenti ci aspettano a braccia aperte.
Io logicamente ho il mio laido panino portato da casa, maniman spendo!
nel frattempo arriva Andrea Lottini con zavorra, autoinvitatosi al nostro desco. Dopo una tragica telefonata di disperazione per essersi perso nel nulla, giunge a destinazione il buon Massimo con tanto di jachha Duhati e Scinzia inhazzta al seguito.
Si termina lo pranzo e ci i fionda verso la Val Trebbia passando per Fascia e Casingheno.
Qualche ingarellamento estemporaneo in discesa con FAbri e la grande Luciana e si giunge tutti sani e salvi dopo la lunga discesa a Loco, in Val Trebbia. 
Pausa benzina (questa volta non erano miei parenti ;) ) e poi si sale passando per Casoni al passo del Fregarolo con qualche scorcio sul lontano mar Tirreno.
Giungiamo a Cabanne verso le 17.00 e dopo aver preso posto nelle varie stanze (4) dell'agriturismo (casa vacanze della corte), ci spingiamo alleggeriti dai vari carichi verso il monte Penna.
Attraversiamo il Parco Forestale, passando dai colori ancora con tonalità di verde della bassa valle a quelle dell'autunno ormai inoltrato della cima, con pennellate di giallo e rosso che, al tramonto accendono veramente l'animo! (so poeta!).
Si decide uno smistamento dei gruppi.
Chi ritorna all'agriturismo chi, i veri duri, si fanno il primo sterrato della serie.
Il sole inizia a calare e la luce in alcuni tratti è minima, ma la soddisfazione di sentire i TA tirare è grandissima. Sicuramente un tratto semplice e non lunghissimo, da fare a manetta, ma la soddisfazione è per tutti!
Si risale verso il gruppo del Maggiorasca e si oltrepassa il passo del Tomarlo, passando per lo stradone largo ed in certi casi un po' dissestato (le frane...) che offre a quell'ora di tramonto una vista fantastica sulle Valli Ceno e Taro, nonché sul culmine, qualche scorcio di mare.
Si torna a Rezzoaglio e sulla strada raccogliamo Marcello con la zavorra picchiatrice.
Dopo aver assistito a varie scenette, tra cui qualche gavettone, Fabri che usciva soddisfatto dal bagno col giornale sottobraccio e le solite donne nel solito ritardo, ci si dirige verso Villa Cella. La temperatura si è abbassata di almeno 10 °C ed una buona polenta con cinghiale è il giusto mezzo per scaldare i nostri animi, assieme ad un vino di tipologia sconosciuta anche dal produttore (siam messi bene...) ma sicuramente alccolico e quindi buono.
Arriva anche Fabio Ruggerone con la Novarina, infreddoliti e bagnati dalla vaga umidità che ristagna nel fondo valle! Torta, grappa, il Barba che prima cerca di baciare Acme, poi anche Marcello, al che Rocky si incazza ingelosita e la storia finisce lì. Barba quindi deluso si lancia sotto il tavolo... questi torinesi!!!!
Lasciamo il locale verso le brande.
Il cielo è fantasticamente stellato e l'aria fredda fa smaltire un po' di sbronza e la panzata assurda.
Io cado in coma letargico, ma si dice che una toscana coordinata d una mirandolese abbiano fatto un gran casino. La mattina, stupendo tutto e tutti alle 9.00 le moto sono veramente accese e si parte verso Rezzoaglio, dove assaltiamo prima il benzinaio e poi un povero barista che vede esaurite le scorte da 16 equipaggi di TAisti. Si scende passando per le strade ancor umide dalla notte per poi salire verso Boschi ed il monte Bue.
Ci abbandonano Alberto e zavorra, che tornano a casa anzitempo.
La salita passa per intricati boschi di castagno e prima di giungere al bivio per il Ferriere e lo sterrato, si attraversa una tragica frana che ha fatto smottare mezza collina a valle.
Arrivati quasi in vetta ci aspetta la nostra strada bianca, che tutti percorrono senza problemi. Fantastico il paesaggio ed i prati invitano alla siesta.
Servizi fotografici completi e si riparte, alla volta del passo del Tomarlo, attraversando prati fioriti di campanelle e vacche enormi!
Le curve si fanno larghe ed invitano lo smanetto, che Fabri e la Luciana colgono.
Al bivio per Casalporino però ci giochiamo la comitiva TA 2000.
Devo ammetterlo, l'ho fatto apposta, ho pagato per spostare i cartelli al vostro passaggio.
Odio profondamente il nuovo TA!!!!
Ripescati tutti proviamo l'assalto ad un bar, che però risulta sfornito di vivande.
Si salutano i mirandolesi e si decide quindi di dirigersi verso il tratto sterrato, da Spora al monte Penna.
In questa occasione la zavorrina di Marce da il meglio di se, pestando sotto gli occhi di tutti il povero fidanzato!
La strada, molto aperta e larga, lascia spazio agli acceleratori dei più esperti, tra cui il Fabri che cercava di far scodare la sua povera moto in curva. La parte terminale in terra battuta, fa sognare e salire il contakm: un orgasmo delirante da motomaniaco qual sono!!!
Ci sostiamo ad Alpe, dove il barista locale si trova stranamente affollato il locale da chiassosi motociclisti. Dopo la sosta si riparte verso il passo del Bocco, al cui termine è posta la casa, che gli amici convenuti hanno il piacere di terminarmi, ma si sa gli incontri LISSTA sono variegati e divertenti, nonché utili per chi li organizza!
Vicino a Chiavari salutiamo il buon ACME, i senesi, Marcello e la mia batteria, che sarà oggetto di un thread a parte.
Partito a spinta raggiungo il resto del gruppone di gianduia diretti verso Bargagli.
Attraversiamo a 0 km/h la simpatica fiera del fungo di Gattorna e con fiumi di lacrime e promesse per una bagnacaudata (ma non ho capito facciamo un bagno caldo insieme? ;))
ci salutiamo con gli amici gianduia.
Termino il mio incontro nel box, a 400 km e 600 m dall'inizio di due gg prima.

AndRe


“Fabio "Ruggi" Ruggerone" 

Cosa dire sull'incontro ligure, nulla che non sia già stato detto e rassicurare Andrea che il "caso" al prossimo incontro sarà di produzione più recente!!! E cosa dire d'altro, il barba vedendo le foto sembrava molto cattivo e invece risulta molto dolce, (non caspisco perchè Acme non ti vuole...) Luciana che in sella alla Bmw viaggiava come un treno, e Marcello che sugli sterrati oltre a preoccuparsi delle botte stava già pensando al secchio con sapone per ripulire la sua Ta più che tutta nera TUTTA LUCIDA!!!

Grazie dei bel Week-end!!
A presto
Fabio
Ta 89'
Bianco/Blu


“Annalisa "Mirandolina" Napoletano" 

ciao sono quella di mirandola ridente cittadina della bassa modenese, nonchè zavorra di Dario detto avvoltoio da Fabri per la sua posa da gobbo + occhialini alla J.Lennon!!!!
volevo ringraziare Andrea per lo splendido week appena passato con panorami eccezionali coronati da 2 giorni di sole meravigliosi (che poeta!) e soprattutto la splendida compagnia avuta. sono stata contentissima di rivedere i mitici Luciana e Aldo, Gio e il mio AMOOOORE Cinzia con prole.
Per finire saluto con un bacio sulla bocca agli altri del gruppo Gianduja che sono stati a dir poco eccezionali, meravigliosi e.... (esagero cosi' forse entro nel gruppo!!!!) e il super tecnologico AAAACMEEE il supereroe dei sogni miei e Cinzia, spero di rivedervi ancora, al max quando veniamo a torino passiamo nelle case di tutti soprattutto in via Tazzoli!!!! da Fabri.

baci baci da annalisa