Sulla strada

(di Jack Kerouac)

sulla strada"Sal Paradise, un giovane newyorkese con ambizioni letterarie, incontra Dean Moriarty, un ragazzo dell'Ovest. Uscito dal riformatorio, Dean comincia a girovagare sfidando le regole della vita borghese, sempre alla ricerca di esperienze intense.

Leggi tutto

Sangue mio

(di Davide Ferrario)

sangue mioL'acquisto del libro è stato stimolato perchè raccontava di un viaggio dal nord al sud d'Italia a bordo di una panda. Ma il viaggio è solo un pretesto, altri temi vengono affrontati. Un viaggio che permetterà ad un padre ed ad una figlia di conoscersi e che vedrà la sua conclusione con una richiesta sconvolgente da parte di lei, una richiesta alla quale il padre dovrà dare una risposta e sarà impossibile non esaudire il desiderio della figlia... Il romanzo ci mette anche di fronte al tema della libertà -essere liberi significa appartenere a qualcuno- ed a quello della libera scelta, problema attuale anche per alcune recenti vicende e polemiche televisive.

stefano sampaolo

***

"Ulisse Bernardini, padre di Gretel, è un ex rapinatore che ha avuto il suo momento di gloria negli anni settanta, dopo di che ha subito una lunga carcerazione e adesso, finalmente, sta per uscire dopo la bellezza di 18 lunghi anni di galera. È un uomo che ha sempre avuto un forte senso della vita, ma che ora si ritrova esausto, spento, perché il carcere spezza la fantasia e il fisico di chiunque.

E’ ormai prossimo alla sua fine pena, ma il suo pensiero non è rivolto all’imminente futura libertà o al modo in cui può riconquistarsi l’esistenza, il suo chiodo fisso è quello di sparire dalla circolazione, isolarsi in qualche angolo sperduto e vivere alla giornata il resto dei suoi giorni. E invece, a stravolgere i suoi progetti, ci pensa Gretel, una figlia che non ha mai conosciuto, che non ha visto nascere, ma della quale sapeva l’esistenza.

Anche Gretel sapeva dell’esistenza di quel padre in galera, ma fino ad ora non ha mai avuto ragioni per cercarlo, adesso una ragione ce l’ha ed è molto forte, è affetta da una malattia degenerativa, la sindrome di Hallerworden e Spatz, che potrebbe portarla in breve tempo prima alla paralisi e poi alla morte, tant’è che si decide ad andare a trovare il padre in galera e a proporgli un viaggio da Torino, dove la storia è ambientata, fino a Maratea, nel Sud dell’Italia."


Sangue mio (Davide Ferrario)
Feltrinelli editore
2010 pagg. 191
€ 16,00

 

Furore

(di John Steinbeck)

furoreIl libro parla della migrazione dall'Oklahoma alla California, in cerca di lavoro, di una famiglia di contadini americani ormai rovinati dai debiti, al tempo della siccità che imperversò nel Midwest subito dopo il crack finanziario del 1929 e che ridusse sul lastrico migliaia di statunitensi.
Il romanzo è una denuncia delle speculazioni che seguirono la Grande Depressione, ma, ed ecco la ragione per la quale questo libro viene inserito in questa raccolta, anche il racconto di un drammatico viaggio verso ovest lungo la Route 66, che tutta la famiglia, sradicata dal proprio stato, senza ormai più la loro terra che è finita pignorata dalle banche, conducono a bordo di un vecchio rottame, in condizioni disperate.
Essendo stato scritto nel 1939 potrebbe apparire di un' altra epoca. Invece no, perché i meccanismi che muovono il mondo non sono cambiati, come la mentalità americana, che in questo libro appare perfettamente chiara.
Capolavoro della letteratura del '900; autore premio Nobel 1962.
Titolo originale "The grapes of wrath".

Andrea Lottini alias The King


Furore su Wikipedia

Furore
Editore Bompiani (collana I grandi tascabili)
Prezzo € 10,00
Ediz. 2001

Articolo 1. Racconti sul lavoro

(di Autori Vari)

articolo unoSono sei gradevoli racconti sul tema del lavoro di Camilleri, Cornia, Pariani, Rea, Recami e Stassi.

Quello autobiografico di Ugo Cornia narra dell'impiego estivo di un sedicenne dentro una fabbrica di lamiere per potersi comperare il motorino. La storia farà rivivere in tanti di noi lo stesso periodo adolescenziale, quando d'estate si andava a lavorare per comperare il 48 (magari usato) senza pesare sulla famiglia.

Da mettere in conto un pò di nostalgia e di malinconia.

In ultimo ma non per ultimo, la lettura del libro è anche un modo per non dimenticare su cosa si fonda la nostra Repubblica democratica e ciò che segue.

stefano sampaolo

Articolo 1. Racconti sul lavoro
Camilleri, Cornia, Pariani, Rea, Recami e Stassi
Sellerio Editore
2009 -216 pagine
14.00 Euro

Strade blu

(di William Least Heat Moon)

 strade bluIn questo romanzo autobiografico l'autore, appena liquidato da un college, per carenza di studenti, e dalla moglie, per sopraggiunto nuovo legame con un amico, si ritrova in mano una certa somma di denaro e un furgoncino scassato e decide quindi di intraprendere un lungo viaggio negli Stati Uniti, da casa sua nel Missouri e ritorno.

Il vero nome dell'autore è Trogdon ma, dopo il licenziamento, decide di ribattezzarsi Least Heat Moon, in onore alle sue origini indiane. Il viaggio è anche un ritorno alle origini. Il titolo del romanzo, Strade Blu, si riferisce alle strade che l'autore preferisce percorrere e che sono quelle secondarie, quelle che sulle vecchie carte americane erano segnate in blu, mentre in rosso erano indicate le strade principali.

Questo libro non è un semplice racconto di viaggio ma un vero e proprio classico, degno di un posto nella nostra biblioteca a fianco alle opere di Chatwin, Kerouac, Kapuscinski. Vi ritroviamo la vita di persone comuni, immagini degli Stati Uniti, notizie storiche sui pionieri, gli indiani, la guerra civile, l'evoluzione (negativa) degli USA, fino agli anni in cui il libro è stato pubblicato.

Strade Blu
Einaudi (collana Einaudi tascabili. Scrittori)
2006 - pp. 516
€ 14,00

Lo Zen e l'arte della manutenzione della motocicletta

(di R. M. Pirsig)

lo zen e l'arte di manutenzione della motocicletta

Difficile classificare questo libro tra i "racconti di viaggio", epperò parla di un viaggio che l'autore compie in motocicletta insieme al figlio, o tra i "manuali di manutenzione", come pure il titolo lascerebbe intendere. Il fatto è che c'è pure quella parolina, "Zen", nel titolo di quello che è ormai considerato un classico fra le letture del motociclista "impegnato". Lasciando parlare chi l'ha letto, troveremmo chi lo descriverebbe come "una straordinaria avventura spirituale che cerca di calare nella realtà odierna quei valori dimenticati che ci mostrano la vita nella sua pienezza." Ma anche chi considera l'autore "un pazzo che dovrebbe farsi qualche bicchiere di grappa in compagnia...". Ma Pirsig era tutt'altro che un "pazzo"; schivo e con una vita difficile, sicuramente.

Lo Zen e l'arte...

Adelphi
1981 - 22ª ediz. - pp. 402
euro 11,00

Viaggio in Barberia

(di Luciano Bianciardi)

viaggio in barberiaGli danno una macchina, una Fiat 125, e gli dicono "Trovati un equipaggio e fai un viaggio promozionale della vettura, da Tripoli al Marocco". Come prospettiva è bella. E lui è un bravo scrittore. L'unica cosa: è proprio il tipico stile che a me non piace. E' la celebrazione dell'italianità, o meglio, dell'italianismo meridionale. Peccato. Avrebbe potuto essere un buon libro. Resta comunque molto interessante per scoprire un mondo del nord-africa oggi ormai perduto. Ad esempio, scoprire in questo libro che in Libia si produceva una birra fantastica, quando oggi è vietata qualsiasi bevanda alcolica, lascia un sapore amarognolo nostalgico in bocca!

il Bostro

Viaggio in Barberia

EDT
2003 - pagg 120
Prezzo: € 8.50 (in promozione € 6.80)

Un treno fantasma verso la stella dell'Est

(di Paul Theroux)

treno fantasmaLeggendo questo libro mi è risultato inevitabile, da motociclista un po' avanti negli anni, pensare a una possibile soluzione alla mia impagabile e implacabile sete di "viaggi" nel momento in cui il fisico non mi permetterà più, ahimè, di cavalcare l'amata due ruote in modo totale. Sì, perché l'autore, grande scrittore e incallito viaggiatore, usa spesso girare il mondo in treno; lo ha fatto, per esempio, nel 1975, andando da Londra a Tokyo (viaggio che racconta in Bazar Espress, ormai introvabile), lo rifà trent’anni dopo e lo descrive in questo libro di recente pubblicazione. L'itinerario è succulento: Londra, Balcani, Turchia, Baku, Ashgabat, Samarcanda, India, Indocina, Giappone, Transiberiana, ritorno a Londra, quasi tutto in treno, salvo i necessari voli di trasferimento.

L'autore dorme spesso in treno, vive con la gente incontrata negli scompartimenti o nelle città in cui fa sosta, conversa con illustri colleghi (come Pamuk, a Istanbul) e parla a studenti e intellettuali in conferenze universitarie, spesso in paesi "pericolosi" come il Turkmenistan di Niyazov. Come in tutti i "reportages" di scrittori importanti, la narrazione è piacevole e fortemente impregnata di cultura, storia, letteratura e costumi dei paesi e delle popolazioni locali, senza tacerne brutture e contraddizioni.


Un treno fantasma verso la stella dell'Est (Paul Theroux)
Baldini Castoldi Dalai editore
2010 - Pagg. 528
Prezzo: €22.00

Un medico in Africa

(di Alberto Denti di Pirajno)

medico in africa"Nel 1924 Alberto Denti di Pirajno parte per l'Africa orientale, come medico personale del Duca d'Aosta. Vi rimarrà fino al 1943, quando, in qualità di Governatore di Tripoli, consegna la città al generale Montgomery, comandante dell'VIII armata britannica, scontando successivamente tre anni nei campi di prigionia in Kenya. Nel corso di questa eccezionale esperienza, durante la quale all'impegno del medico si aggiunge quello dell'uomo politico, Denti di Pirajno non smette di viaggiare: dalle coste del golfo della Sirte alle zone desertiche del Fezzan, dalle città dell'altopiano etiopico alle distese della valle del Nilo, collezionando incontri, racconti, amicizie e confidenze, favoriti oltre che dalla professione, dalla conoscenza delle lingue locali e dall'interesse personale per ogni nuova esperienza. Una vicenda ricca e multiforme di cui rimane questo resoconto, appassionante come un romanzo d'avventure, vivace come una cronaca di viaggio, interessante come un documento etnografico e sempre illuminato dalla straordinaria personalità di Denti di Pirajno: osservatore acuto, testimone attendibile, narratore avvincente e soprattutto medico e uomo profondamente partecipe del destino degli uomini".

(dalla quarta di copertina)


Il libro ha uno stile molto frammentario, ma nel complesso è allegro e simpatico. Traccia uno spaccato rispettoso e realista di una cultura ormai perduta, non solo di quella africana, ma anche di quella del colonialismo italiano.

il Bostro


Nel cuore di ogni uomo sonnecchia un giustiziere: apparteniamo tutti alla turba dei lapidatori dell’adultera.

Alberto Denti di Pirajno


Un medico in Africa (di Alberto Denti di Pirajno)
TEA
1997 - pp. 320
Euro 7,75

 

Partire

(di Autori Vari)

partireQuesta "antologia narrativa di geografia emozionale" è una raccolta di racconti ed immagini, selezionati tra i contributi di giovani viaggiatori e fotografi che hanno partecipato all'edizione 2009 del Premio "Movimenti", promosso dal CTS (Centro Turistico Studentesco e Giovanile), sviluppando una delle tre tracce: "Il viaggio del cuore", "Il viaggio della maturità" e "Il mio viaggio a impatto zero". L'intento dei promotori del Premio era quello di far emergere "come viaggiano i giovani sotto i trent’anni", dando uno "sguardo sui loro stili di viaggio" e permettendo "a loro stessi di mettere nero su bianco emozioni e gioie vissute in qualche parte del mondo".

Dai lavori di questi giovani emerge una forte empatia con quello che noi motociclisti proviamo quando riusciamo ad andare in giro per il mondo. Ma in questi ragazzi zampilla una freschezza tipica della loro età, traspare un modo poetico, con cui vedono l'altro e l'altrove, e partecipato, nel modo di stare in mezzo alla gente; non è raro che molti di questi giovani viaggiatori "spendano" le loro vacanze per attività di volontariato nei paesi del terzo mondo.

Interessante le mete scelte da questi giovani globetrotters: Sahara (Africa in genere), Argentina (Patagonia), Stati Uniti (Route 66, Grand Canyon), India (la più gettonata in assoluto), Australia, le Capitali Europee,... ben lontani dai villaggi paradisiaci tanto di moda fra i loro padri.

Partire
Vallardi Editore
2010 - Pagg 192
Prezzo: € 9.00

L'Italia in seconda classe

(di Paolo RUMIZ)

italia in seconda classeRicordo viaggi in treno bellissimi, magari solo da qui a lì. Viaggi interminabili quando, studente, tornavo da Friburgo per trovare la morosa e viaggi con la morosa diventata moglie solo per il gusto di viaggiare in treno.

Paolo Rumiz con questo libro invita a nozze chi, come me, ha nostalgia di quel modo di andare, di quelle carrozze con i sedili in legno che nella mezzora da Bellinzona a Locarno schiantavano le nostre infantili natiche, di quelle belle carrozze di prima classe con lo sportello direttamente nello scompartimento e le lampade liberty in opalina. Insomma, questo è un libro per chi ama viaggiare adagio, anche con le letture.

Le illustrazioni di Altan sono un regalo in più.

[Alessandro Margnetti]


"Per una volta, ladies and gentlemen, non allacciatevi le cinture. Don't fasten your set belts. Si parte in treno, la Cenerentola dei trasporti. Si fa l'Italia in seconda classe, per linee dimenticate. E allora buttate a mare duty free, gate, flight. hostess e check-in; lasciate le salette business a parlamentari e commendatur. Questo è un viaggio hard, fatto di scambi, pulegge, turbocompressori e carbone. E noi lo faremo. Siamo in ballo. Il viaggio comincia."

(dalla quarta di copertina)

L'Italia in seconda classe (Paolo Rumiz)
Editore Feltrinelli
2009 - Pagine 144
€ 12,00

 

Destinazione Afghanistan

(di Marco Deambrogio)

destinazione afganistanMarco è un pazzo. Dopo aver fatto tante avventure nelle foreste tropicali, fino al Polo Nord, e dopo aver scoperto il gusto di viaggiare in moto ed essersi fatto il Giro del Mondo in moto, questa volta decide di fare una nuova avventura in moto, e di affiancarla ad un aiuto concreto ad Emergency, organizzazione per la quale nutre grande stima. Decide così di partire da casa ed andare a Kabul in moto sempre sulla sua solita fida BMW 650 GS, per portare una testimonianza di vicinanza spirituale alla popolazione afgana, ma pensate un po', nel 2002, in piena Guerra!
Gran libro! Bello, anche scritto bene, mai noioso, sintetico preciso, mai patetico nella descrizione dei paesaggi, e delle persone, mai eccessivo. Mi è piaciuto veramente tanto!

il Bostro

Destinazione Afghanistan
Sperling & Kupfer
2008 - pp. 250
€ 10

In Asia

(di Tiziano Terzani)

In Asia

Bellissimo libro. Splendido. Va annoverato tra i libri di viaggio? Tra i libri a matrice giornalistica? Tra i libri socio-politici? Chi se ne frega. Terzani racconta soggettivamente la sua esperienza. Partito per l'Asia come corrispondente estero di un giornale tedesco, in questo libro sono raccolti tanti suoi articoli, che hanno il sapore del viaggio costruttivo, il vecchio concetto di Bildungsroman. Giapppone, Cina, India, Tibet, Nepal, nulla gli sfugge.

Dove si trasferisce (poiché lui non andava in quei posti per uno scopo, ma vi si trasferiva realmente) si immedesima nel popolo, gli parla, ma soprattutto lo ascolta. Ne esce così uno spaccato globale di un mondo lontano, e tristemente ormai alla fine di una sua era. Non per niente si chiude con la consegna di Hong Kong ai cinesi da parte degli inglesi, e con la splendida chiusa della fine di un remoto paese della Toscana, come a dire che dopo tante peregrinazioni il suo cuore è rimasto nel suo paese di origine.

Senza giudizi frettolosi, senza mezzi termini, senza pettegolezzi, quando c'è da criticare critica, quando c'è da elogiare elogia, e quando c'è semplicemente da raccontare, Terzani racconti. Con una prosa elegante ma fluente. Un grandissimo scrittore italiano, un cervello da rispettare, una persona da ammirare. Mettendo da parte tutti i propri pre-concetti, prima di leggere il libro, giusti o meno che siano.

il Bostro

In Asia - Viaggi/Reportage/Avventure vere

I Grandi TEA
1998 - pp. 434
Euro 10,00

Sabbie arabe

(di Wilfred Thesiger)

sabbie arabeIl Rub el-Khali, l'Empty Quarter in inglese, il Quarto Vuoto, è il deserto più grande del mondo, il solo luogo in cui, secondoThesiger, "si può trovare la pace della vera solitudine". Il primo europeo ad attraversare l'Empty Quarter fu Bertram Thomas, un funzionario dell'Indian Civil Service trasformatosi in esploratore nell'inverno del 1931. Il secondo fu St John Philby, il padre di Kim, la spia.

Leggi tutto

Quando gli arabi vivevano sull'acqua

(di Wilfred Thesiger)

quando gli arabiPer scrivere Sabbie arabe, epico racconto dalla traversata del Rube l-Khali, il deserto dei deserti, Thesiger si chiuse in un albergo di Copenaghen in inverno: in questo modo, circondato dal plumbeo cielo nordico, la nostalgia del deserto arabo si sarebbe fatta più lancinante e il ricordo più vivo ed emozionante.

Leggi tutto

La carovana del Sale

(di Elena Dak)

carovana del saleOgni anno, tra l'autunno e l'inverno, i tuareg dell'Aïr, nel nord del Niger, attraversano il Ténéré verso le saline e le oasi di Bilma e di Fachi con centinaia di dromedari per andare a rifornirsi di sale e di datteri che poi trasporteranno nei paesi del sud per scambiarli con miglio, il cereale sul quale si basa la loro alimentazione.

Leggi tutto

Tuareg

(di Mano Dayak)

tuaregL'autore è un Tuareg che è riuscito ad avere celebrità e racconta in questo libro lo stato attuale dei Tuareg, oppressi in un mondo in cui una volta erano i padroni assoluti, e che invece è ora dominato da gente che semplicemente non li vuole. La lotta dell'autore per far conoscere la verità di questo popolo al mondo finirà sfortunatamente con la sua morte, tutt'ora considerata "anomala".

il Bostro

Tuareg - Il popolo del deserto

Notizie sull'Autore

Editrice Missionaria Italiana
anno: 2006 - pagg. 192
euro 12,00

Sono nato con la sabbia negli occhi

(di Mano Dayak)

nato con la sabbia negli occhiMano Dayak racconta la sua vita Tuareg sin dall'infanzia vissuta nel campo, per arrivare alla questione Tuareg nell'ultima parte del testo.
Si legge in una notte!

anonimo


«Sono nato con la sabbia negli occhi. Questo avveniva a Tidène, nel cuore delle montagne dell'Aïr, all’inizio della stagione delle piogge. Mia madre mi diceva: "Mano, sotto la tua lingua si nasconde il miele, ma non lasciare mai il deserto poiché il deserto purifica l’anima. Lontano da esso, sei sordo e cieco". Così parlano le madri Tuareg. Per pudore, esse nascondono le loro preoccupazioni con allegorie. Un potere che le rende poetesse e sovrane. Io non sapevo che esistesse un altro mondo. Come avrebbe potuto esistere, mentre proprio dietro le nostre tende c’era la sabbia, la sete e il nulla?».

redazionale

Sono nato con la sabbia negli occhi

EMI - Editrice Missionaria Italiana
2005 - pagg. 224
euro 10,00

Le vie dei canti

(di Bruce Chatwin)

via dei cantiSplendido...quasi. Anche in questo libro Chatwin rovina tutto alla fine. Ti aspetti una conclusione, riguardo le vie dei canti degli aborigeni, e invece molte pagine del finale sono occupate da appunti che non hanno molto interesse, e la fine della sua permanenza in Australia è abbandonata... peccato. Ma, a parte questo, il resto del libro è un capolavoro. Emoziona, rattrista, coinvolge.

il Bostro

Le vie dei canti

Adelphi
2012 - pp. 390
€ 6,90

La seduzione dell'altrove

(di Dacia Maraini)

seduzione dell altrove"Chi ama viaggiare mette un piede avanti all'altro, senza pensarci tanto, senza calcolare i rischi, senza farsi troppe domande, perché il corpo ha voglia di andare. E va. Io vado."

E' così che l'autrice visita il mondo, incontra popoli, ha scambi culturali con amici della lingua italiana, vive per giorni interi in simbiosi con tribù in via di estinzione. Non è proprio un libro di "viaggi", come forse noi motociclisti intendiamo, ma la lettura di questi articoli, scritti dall'autrice in epoche diverse, potrà offrire momenti di ripensamento e di riflessione, nelle grigie giornate invernali, sull'"esotico", l'"altrove, il "diverso" verso cui tanto amiamo (o speriamo di) portarci nella stagione buona. A volte, forse, senza sufficienti sensibilità e attenzioni per i luoghi e le genti che incontriamo.

La seduzione dell'altrove
Editore RIZZOLI
Pagg 192 - 2010
17,50 euro

Il viaggiatore delle dune

(di Monod Théodore)

viaggiatore delle duneSegnalato da "il Bostro"

Il libro vuole essere un racconto di avventura ma allo stesso tempo anche materia di riflessione. Il fascino del deserto percorso in lungo e in largo a dorso di cammello o a piedi; la curiosità dell'osservazione scientifica della flora e della fauna, della struttura geologica e delle risorse idriche; gli incontri con le popolazioni e le riflessioni dell'uomo che, attraverso il contatto con una natura primigenia, ritrova se stesso. Frutto di una passione durata oltre sessant'anni. (tratto da IBS.it)

Un sito con belle recensioni sul libro: www.marcovasta.net

Il viaggiatore delle dune (Monod Théodore)
Bollati Boringhieri Editore
2002 - 188 pp
Prezzo €17,00

Viaggi e altri viaggi

(di Antonio Tabucchi)

Viaggi e altri viaggi

Che la meta sia la strada, a pensarci bene, è un luogo comune, una di quelle locuzioni da motociclista che a furia di ripeterle si vuotano di significato. Andare è bello ed è importante, ma lo è anche fermarsi in un luogo capace di rendere meritevole la sosta.

Tabucchi non è un motociclista, ma è uno che sa sostare e sa cogliere l'anima dei luoghi in cui si ferma. Si tratta spesso di attimi, di qualcosa di simile alle "occasioni" di Montale: una sosta su un muretto, un locale discosto, una spiaggia, una statua. Sono viaggi dottissimi quelli di Tabucchi: i luoghi ricordano altri luoghi e personaggi e vicende.

Che sia il paesaggio fiabesco della Cappadocia o la stazione ferroviaria di Washington, il luogo è un punto di incontro, un simbolo di cultura e di civiltà. I luoghi di Tabucchi sono pieni di umanità e l'umanità ha qualcosa in più della comune "gente": l'umanità è storia, a volte struggente e a volte umoristica, è visioni diverse del mondo, è il nostro specchio.

"La letteratura - ha detto un poeta - è la dimostrazione che la vita non basta. Perché la letteratura è una forma di conoscenza in più. È come il viaggio: è una forma di conoscenza in più, tante forme di conoscenza in più. molte cose ci possono bastare, e devono bastare, nella vita: l'amore, il lavoro, i soldi. Ma la voglia di conoscere non basta mai, credo. Se uno ha voglia di conoscere, almeno."

L'ho letto a pagina 14, in una conversazione che apre il libro. Ho avuto voglia di conoscere, seppure per interposta persona, e in poche sere ho terminato la lettura.
Mi è rimasta una grande voglia di andare.

[Alessandro Margnetti]

Viaggi e altri viaggi
Feltrinelli
2010 - pagg. 272
Prezzo di listino: € 17,50

Fiabe Tuareg. Leggende degli uomini del deserto

(AA.VV.)

Fiabe Tuareg

Leggende, miti, favole? Il popolo Tuareg stesso è una leggenda...

il Bostro

"Lo schema di questo libro è particolare: alcune lunghe fiabe della più remota tradizione sono cucite tra loro da un racconto in cui si mescolano curiosità etniche e notazioni antropologiche che ben ci raccontano la poco conosciuta cultura dei Tuareg, il popolo che abita il deserto del Sahara."

[Dalla presentazione dell'Editore]


Fiabe Tuareg. Leggende degli uomini del deserto (AA.VV.)

Editore: Giunti Editore
2002 - pp 240
Prezzo: € 12.50

PATAGONIA EXPRESS

(di Luis Sepulveda)

Patagonia express

"Il diario di viaggio di Sepulveda in Patagonia e nella Terra del Fuoco: riflessioni, racconti, leggende e incontri che s'intrecciano nel maestoso scenario del Sud del mondo, dove l'avventura non solo è ancora possibile, ma è la più elementare forma di vita." [Dalla presentazione dell'editore.]

Non so quanti di noi siano stati in Patagonia, né quanti di noi avranno modo di andarci. A volte, tuttavia, anche sognare un posto può aiutare. I libri, in fondo servono anche a farci viaggiare senza muoverci di casa. In Patagonia ci sono stato con Luis Sepulveda. Uno di quegli autori che avrei voglia di prendere il telefono e, come a un vecchio amico, chiedergli "come va?". Il libriccino è diviso in dodici capitoli che trasudano allegria, violenza, sudore, malinconia, vento, terra e coltelli. Si trovava qui anche in una versione "on-line" , ma la fredda edizione virtuale non paga il bagliore giallo della sua copertina.

ale m.


PATAGONIA EXPRESS

Guanda Editore
Pag 130 - 1999
€ 6.00

Le avventure di Huckleberry Finn

(di Mark Twain)

avventure di FinnFantastico. Sia questo, sia Le Avventure di Tom Sawyer sono libri fantastici. Spacciati come libri per bambini, hanno invece tanti insegnamenti da dare ai grandi; il rapporto di Huck col negro Jim, il suo scontro con ciò che chiama "coscienza", i concetti di bene ("denuncia il negro") e male ("rispetta il negro") sono tratteggiati in maniera magistrale. Ma ancora più grande è l'enorme anelito alla libertà individuale che guida i passi di Huck Finn, la cui avventura comincia nelle ultime pagine di Tom Sawyer - ove declama una magnifica apologia della libertà! - e (sfortunatamente) finisce in questo libro. Vorrei tanto sapere che ne fu di lui dopo: si piegò alle responsabilità cui pare impossibile sfuggire nel nostro mondo, o riuscì a restare lo stesso ragazzo ingenuo e semplicemente schietto che abbiamo conosciuto in queste pagine?
Per me, i suo ideali, sono diventati un inno alla vita. E' per questo che sto pian piano pensando ad un post nel mio blog, intitolato appositamente "Dalla parte di Huck Finn".

il Bostro

Su wikipedia

Le avventure di Huckleberry Finn (Mark Twain)
Giulio Einaudi editore
2007 - pp 356
€ 11,00

Leggere anche (magari prima): Le avventure di Tom Sawyer, dello stesso autore.

Il Milione

(di Marco Polo)

Il Milione

Uno tra i libri sicuramente più celebri al mondo. La prima edizione fu redatta in lingua "colta" medioevale: un misto di francese, veneziano, toscano. Quella in mio possesso è una traduzione in italiano dotto moderno, molto bella e scorrevole.

Da notare come non sia per niente un resoconto di viaggio, ma un rapporto interessato dal punto di vista economico delle terre conosciute direttamente o indirettamente da Marco.

il Bostro



Il Milione

Editore TEA (collana Tea Avventure)
ed. 2008, 302 p.
12 Euro

Il Veicolo Perfetto

(di Melissa H. Pierson)

veicolo perfettoHo aspettato tanto, prima di recensire questo bel libro della Pierson, nella speranza, risultata vana, che ci fosse qualche riedizione. Infatti, per adesso lo si potrebbe trovare solo in qualche angolo di libreria. Un libro scritto da una motociclista entusiasta e letto da una generazione intera di bikers in tutto il mondo; esso rappresenta un inno alla bellezza, al piacere della motocicletta, alla libertà sulle due ruote. E' un racconto autobiografico, con aneddoti e storie vissute in terra americana, anche se la moto dell'autrice è una italianissima Guzzi Lario 650 "il cui suono procura ai [suoi] sensi un piacere supremo". Non poteva mancare, nel finale, il rituale "pellegrinaggio" che un(a) "guzzista doc" deve svolgere immancabilmente alla mecca di Mandello.

Il Veicolo Perfetto - La motocicletta (di Melissa H. Pierson)

Tea Due
2000 - pagg. 226
€ 7,75 (se lo trovate!)

Il cuore a due cilindri

(di Roberto Parodi)

cuore due cilindriIl sottotitolo di questo primo libro di Parodi (Viaggi e riflessioni di un motociclista innamorato della sua Harley-Davidson) ben descrive il contenuto che poi si va a leggere. Un libro sull'amore per le motociclette, "verso ciò che le motociclette rappresentano", o meglio, "verso ciò che una motocicletta può far provare a ognuno di noi".

"Ogni episodio è un pretesto per approfondire argomenti come i gruppi MC e gli Hells Angels, Carlo Talamo e la HOG, i panzoni con l’Electra, i motociclisti da bar e chi se la tira da veterano. Le back patch, i raduni, i lunghi viaggi, il difficile equilibrio tra gli uomini, le grandi amicizie, i vecchi meccanici scorbutici e insostituibili e i mille stratagemmi per conciliare lavoro, famiglia e moto."

E' ancora Parodi che così parla, nel suo sito dei Threepercenters, un sodalizio di tre amici, nato per insofferenza verso alcuni gruppi di Harleisti italiani, che attraverso "regole imposte" tendono a spegnere la "grande libertà" che il mondo del motociclismo sottintende, quasi per natura.

Il libro è di natura autobiografica: il primo motorino, la prima Harley-Davidson (una SST 125), gli Elefantentreffen, i gruppi di Harleisti italiani, le uscite, i rituali, le incazzature, i primi grandi viaggi, il deserto tunisino... insomma tutto quello che riesce a dare un motociclista appassionato quando decide di prendere la penna in mano.

Il cuore a due cilindri (Roberto Parodi)
Editore FBE
2008 - Pagg. 240
€ 13,50

Corri fiero. Vivi libero

(di Ralph Sonny Barger)

corri fieroSonny Barger, fondatore della sezione di Oklahoma degli Hell's Angels, racconta in questo libro varie storie di suoi "fratelli", come lui ama definirli. Hell's Angels o motociclisti conosciuti per caso, rispetto alla sua autobiografia qui si esce anche dal discorso dell'HAMC per concentrarsi molto di più sulla moto come mezzo privilegiato per la conquista della libertà, qualsiasi sia il costo della libertà.
Finito il libro, devo dargli un giudizio perlopiù negativo. Un libro che si poteva fare a meno di scrivere. O forse, si poteva scriverlo meglio. La maggior parte delle storie sono veramente poco credibili, palesemente esagerate per creare situazioni grottescamente comiche, ma sicuramente non pertinenti con ciò che il libro voleva dare: storie di biker, storie di motociclisti... Peccato, Hell'S Angel era proprio bellino... Sonny, continua a correre in moto ed a farci sognare così, lascia perdere i libri!

il Bostro




Corri fiero. Vivi libero

Dalai Editore
2009 - pp. 286
€ 7,90
Disponibile anche in eBook

Sahara sconosciuto

(di László E. Almásy)

Sahara sconosciuto

Soprannominato Abu Ramla, "Padre della Sabbia", dai beduini che in molti conosceva, Almasy è stato un esploratore delle aree Sahariane tra i più grandi esistenti. Un esploratore cui si sono ispirati (ovviamente rovinandone la reale reputazione) gli sceneggiatori de "Il Paziente Inglese".

In realtà Almasy è stato una figura alquanto nebulosa ed ancora oggi difficile da tratteggiare. Ma il suo rapporto con il deserto del Sahara è stato sincero e genuino: "Il deserto è spietato e terribile, ma chi vi è stato è poi costretto a ritornarci".

Interessante, a metà libro, scoprire che nel mezzo del deserto ha conosciuto un tal Lodovico di Caporiacco...

il Bostro

Sahara sconosciuto (di László E. Almásy)

Ed. Nutrimenti. Collana: Transiti
2004 - pp. 320
€ 16.00

Viaggi

(di Michael Crichton)

Viaggi Crichton

Un professore di anatomia si rivolge a una studentessa della classe: "Signorina Jones, mi saprebbe dire il nome di quell'organo del corpo che aumenta di quattro volte il proprio diametro se sottoposto a stimolazione?". La ragazza è imbarazzata, si schiarisce la voce ed esita. "Non c'è nessun motivo di imbarazzo, signorina Jones. L'organo è la pupilla dell'occhio, e lei, mia cara, è un'ottimista".

L'autore, non è solo uno che racconta piacevolmente le cose; egli è "fedele all'idea secondo la quale viaggiare significa anzitutto tornare a fare esperienze dirette, conoscersi più a fondo, mettersi alla prova per superare i propri limiti e le proprie paure".

Viaggi

Editore Garzanti Libri
2006, 441 p.
Euro 9,00

I diari della motocicletta

(di Walter Salles)

Diari della motocicletta

"Prima che Ernesto Guevara diventasse il Che. Prima che lo studente di medicina si scoprisse guerrigliero e rivoluzionario. Dall'Argentina al Cile, dal Perù al Venezuela, 15.000 chilometri in America Latina su una sgangherata Norton 500, insieme ad Alberto Granado, compagno d'infanzia. Il viaggio attraverso un intero continente, tra villaggi poverissimi e scenari maestosi, per scoprire l'amicizia e l'amore, guardare negli occhi la miseria della gente e sentire crescere in sé un bisogno di giustizia per tutti. Oltre al DVD 'I diari della motocicletta', il cofanetto contiene il libro "Latinoamericana" di Ernesto Che Guevara."

rec. libreriauniversitaria


I diari della motocicletta

Editore Feltrinelli
2004 - Pagine 128
€ 21,00 (DVD + libro)

Adventure Motorcycling Handbook

(di Chris Schott)

Adventure Motorcycling Handbook

Attenzione, questo è un libro in lingua inglese. Non solo: a tratti è pure piuttosto colloquiale, quindi è realmente di difficile comprensione se, come me, parlate il cosiddetto inglese "maccheronico". Il libro spazia su ogni argomento possibile riguardante il mondo del motociclismo turistico avventuroso, una espressione un po' difficile; l'adventure rider bike world, per dirla all'americana. Ovvero, in sintesi, la passione del viaggio in moto a 360°, indipendentemente dalle maggiori mode e mete turistiche, indipendentemente dallo stato delle strade, dalla possibilità di trovare strutture turistiche, e via dicendo. Della serie: Si parte e si va, o come diceva il buon Bettinelli "Dovunque si vada, è solo lì che si è". Viene analizzato soprattutto ciò che comporta il progetto di un eventuale Giro del Mondo, il Viaggio di Tutti i Viaggi. Sia chiaro, l'autore ha un'esperienza, in fatto di viaggi, che fa impallidire. Questo gli permette di avere una buona sintesi, di far emergere aspetti altrimenti sottovalutati riguardanti la progettazione di un viaggio, nonché ci sono alcuni racconti di viaggio veramente spettacolare, solo per quelli il libro varrebbe la spesa. E poi, perché non unire l'utile al dilettevole, ed approfittare per rianimare un po' la nostra conoscenza dell'inglese?

il Bostro

Adventure Motorcycling Handbook
5th Edition - Worldwide Motorcycling Route & Planning Guide


Editore Trailblazer Publications
2005 - 288 p
Euro 17,49