2009 - Terre Toscane - 30 aprile-3 maggio

 

Report di:

Franco Franceschini alias Franz - Maurizio - Fabrizio alias Acquasanta - Piero Bonomi alias Ricciolo - Franco -Stefano Falsiroli alias Sottocoppa - Tiberio Boido alias Tibi - Cosimo Laddomada alias O'Prof - Massimiliano Segreto alias Bibo - Stefania - Libeccio - Walter alias Geronimo - Albygallo - Ant1 alias Antonio Salvagnoni -Francesco Martello alias Hammer 

immagine


Franco Franceschini alias Franz

Terre Toscane, ovvero Maremma 2009, m’hanno mandato a casa in ciabbbatte! :-) 

La mia “voglia di toscana” è fame atavica di quei posti; li giravo per lavoro qualche anno fa (ante e post acquisto moto) e mi ripromettevo sempre di tornarci in moto. 
Per una cosa o per l’altra mi ci è voluto del tempo, ma almeno un pezzetto l’ho visto! 
Mi sono iscritto per tempo e pagato per non aver poi la scusa di rimandare ancora e giovedì scorso col fido scudiero triestino e due cavalcature degne ed eleganti siamo volati a Magliano in Toscana. Mai scelta fu più giusta ed oculata. 
Ho percorso le strade asfaltate più sterrate e gli sterrati più asfaltati che abbia mai visto! :-) 
Ho preso acqua, polvere, sassi……ma fortunatamente no sono mancate cibarie e beveraggi di primo piano!
La compagnia è stata di quelle toste, a partire dagli sterratori scalmanati(la camera 106 sempre in testa) fino alla tranquillità di un viaggio sulla bambagia turistico da carrozzella! 
Le serate? Meglio non parlarne…….roba da cabaret a braccio! 
Non dico altro……penso che qualcuno più bravo di me racconterà con tale verve da tramandare ai posteri scene di ordinaria follia! :-) 
Intanto comincio a scaricare e scegliere le foto……
Ancora con le lacrime agli occhi (dal ridere), con le ciabbbatte in un sacchettone e le gomme ben oltre la frutta (siamo al caffè e conto!…….l’anteriore non c’ha manco più un tassello!....provo a metterci una ciabbbatta?) 
Grazie a tutti, organizzatori e amici di sempre!

Gudbai
Franz


Maurizio

Ciao a tutti....
Anche io sono arrivato sano e salvo... in quel di Torino, posso affermare altrettanto anche della mia zavorrina Stefania in quel di Roma....
I ringraziamenti indubbiamente sono rivolti alla perfetta organizzazione sia per la "Location" sia per gli spendidi paesaggi che ci e' stato consentito vedere....
Spero di rivedere tutti i partecipanti prima possibile, una gran bella compagnia..... di lazzaroni...
Un invito a venirci a trovare in quel del Piemonte e' scontato, se capitate a passare battete un colpo, sarete miei graditi ospiti....

Saluti a tutti
Maurizio e Stefania


Fabrizio alias Acquasanta
Grazie cari amici toskani per l'abbondante fornitura di ciabbbattte di cui ci avete omaggiati, per il TT 2010 mi raccomando le cuffie per la piscina! :-DDD
Un ringraziamento e un abbraccio per la vostra simpatia e ospitalita!

Arvedze
H!


Piero Bonomi alias Ricciolo

Grazie anche da parte mia a tutti gli organizzatori.
Mi sono divertito a 360°,la lotteria è stata una spanciata dalle risate, forse dovuta anche al buon vino... Vero,Max.. :-) 
Complimenti complimenti complimenti.
Ecco le mie foto www.picasaweb.google.com/ricciolo73

Ricciolo


Franco

Bene, anche per l'estate 2009 io e la mia famiglia al completo potremmo andare in spiaggia senza la paura di ustionarci i pieddddi con la sabbia bollente:-))))).
GRAZIE.
Grazie a chi si è preso l'incarico di organizzare e gestire con maestria questo bellissimo incontro in luoghi splendidi.
Grazie a Franz che mi ha accompagnato per gran parte del percorso.
Grazie agli amici vecchi e nuovi e che mi hanno fatto divertire come da troppo tempo non accadeva e che rendono sempre un incontro lissta un incontro da portare con se per la vita.
Ciao a tutti.

Franco
TA 650 Trieste


Stefano Falsiroli alias Sottocoppa

Il mio terzo TT è stato come i precedenti degno di chiamarsi "incontro" e mi ha dato la possibilità di vedere un'altro pezzo di toscana.
Ne sono davvero affascinato, c'è tutto: montagne, boschi, prati, il mare, ma sopra soprattùtto ci sono tanti sterrati!!!
Ho trascorso 3 giorni molto intensi fra strade bianche, asfalto, fango, polvere, pozzangheroni, curve, tornanti, bis e tris di primi, carne di ogni sorte, vino, dolci, caffè, ciabbbatte, magliette, caschi, numeri, guanti a lavoro, pioggia, sole, e tantissime risate!
Un grandissimo grazie agli organizzatori che come sempre si sono dimostrati all'altezza, sempre disponibili con tutti e in ogni situazuone.
Siete stati bravi anche questa volta.

Stefano 'Sottocoppa'


Tiberio Boido alias Tibi

Dopo un anno in cui non mi e' stato possibile fare un incontro Lissta, come primo della stagione sono stato alle Terre Toscane.
Senz'altro uno dei motivi per cui valeva la pena tornare!!!!
Ve lo dico con l'esperienza di 8 anni di Lissta e di incontri: senz'altro uno degli incontri piu' belli.
Bravi. Ma sopratutto GRAZIE.

tiberio, diana, la truzzalp-comitato anti ciabbbatte-torino


Cosimo Laddomada alias O'Prof

Dopo una sosta a Benevento, ieri sera eravamo di nuovo a casa, prof e prof.ssa. Tra andata, ritorno e soggiorno TerreToscane, quasi una settimana bella e intensa.
Ho gia' fatto sommariamente i complimenti ad alcuni dello staff ma voglio ripeterli e completarli qui pubblicamente. Percorsi ben calibrati, posti ben scelti, andatura tranquilla e piacevole, qualche ebbrezza su sterrati non impegnativi per tutti, off serio invece per chi lo desiderava, organizzazione impeccabile (dall'apripista al "servizio di scopaggio e recuperi" e, a finire, alle staffette sempre presenti agli incroci, anche quelli con le stradine private!). 
Pranzi bboni, veramente bboni; vino bbono, azzo se era bbono. Location: e si poteva pretendere di piu'? Mangiare quanto ne volevi, da bere fino a straripare, e la seconda serata (da cabaret, ha detto qualcuno) lo sta a dimostrare ;-) 
Infine: ricco assortimento di gadget e cotillon, chissa' quanto avete rotto ai negozianti della zona! E soprattutto: ciabatte, ciabatte e ciabatte... per non dimenticare. :-) 

Gtazie di nuovo ragazzi toscani.
Alla prossima!
Mimmo (o'professore) TA 2004 bluargento 108000 km in liberta'


Massimiliano Segreto alias Bibo

Anch'io, con il solito ritardo, voglio ringraziare tutto lo staff del TT 2009.
Percorsi belli, sterrato facile e scorrevole il giusto calibrato per tutti, e per quel che riguarda l'off un trattamento da vip con un finale con un "scout indigeno" assegnato a ogni partecipante ;-) (grazie Antò')
Alla fine della seconda serata avevo tutti i mucoli doloranti. Non quelli della gambe per l'off... quelli della mascella per il troppo ridere...
Un ringraziamento alla "106", la stanza con il più alto numero di decibel notturno, e a quei facoceri dei miei compagni di viaggio al ritorno che mi hanno obbligato sotto tortura a mangiare pasta fritta e focacce alle cipolle (burp).
E ricordatevi, "una ciabbbatta è per sempre".

Bibo (comitato anti ciabbbatte)


Stefania

Ciaoooo!!!!
Sono Stefania (zavorrina di Maurizio) e scrivo anche io (sono nella mailing list della Lisstaaaa da ieri) per ringraziare tutto lo staff organizzativo di Terre Toscane 2009... è stato tutto perfetto, davvero...sono stata davvero bene, per me era la prima volta che partecipavo ad un simile "raduno"...e chissà...magari anche io prima o
poi mi comprerò il Transalp!!!!!!!! :-) 
Ringrazio e saluto tutti ancora....

Grazie grazie grazie.....
Stefania


Libeccio

Il TT2009 inizia ufficiosamente, per me, lunedì 27 aprile con l'arrivo a Borgo Magliano del 1° partecipante (Hammer). Ufficialmente invece giovedì 30 quando, dopo 50 km di cui 20 di pioggia scrosciante arrivo, incrociando le dita (dopo aver fermato la moto, naturalmente), a Borgo Magliano, dove sono già ad attendermi i miei colleghi di (s)ventura, Geronimo e Nuvola (Walter e Daria).
I primi ospiti ad arrivare non hanno fatto poca strada, sono torinesi, ed è giusto ricordarli: con la Truzzalp Tiberio e Diana, assieme ad Albygallo ed Elisa. Via via, fino a tarda sera, si aggiungeranno tutti gli altri.
Gil e Weiner (e le loro splendide compagne)dall'Emilia, Guido & Patrizia e Norby & Mariolina dalla Liguria, i lazio-piemontesi Maurizio e Stefania, i giovani amici di Raffaello Francesco & Giulia, Checco da Siena, Bibo e Ricciolo dalla Lombardia, Nicola & Concetta con la piccola Aquilotta da Napoli (ahimè su sardomobile)con al seguito Maxett da Roma, l'altro Nicola dall'Abruzzo, il grande Franziskaner, Giovanni & Nicoletta dal Veneto, the famous O'Professore & Adrenalina da Lecce, gli svitati (in senso buono naturalmente visto il lungo viaggio in moto) Fabbri & Silvia dal Piemonte, così come Drigo & Chiara, Diws da Trieste(proprio dietro l'angolo, vero?) e scusate se ho saltato qualcuno ma sono ancora un po' confuso...
Che dire se non ringraziare tutti coloro che sono venuti a visitare la nostra terra? Chi, pur di esserci anche per soli 1 o 2 giorni, si è sobbarcato incredibili tirate notturne in solitario (Stefano da Verona, Luca Lawyer da Lecce, Marco da Vercelli); chi comunque ha voluto esserci anche solo per un giro, come Gilberto (il mitico Gilbe), Claudio Vannini ed i suoi amici (beata gioventù...), Carmine (Zio Rooster) e Lucia, Luciano (Mad Lux) e Tiziana, gli amici romani, i maremmani doc Massimo e Maurizio, gli altri amici da Siena, Firenze ed Arezzo.
La cosa più bella, personalmente, è quella di essere stato assieme a tanti amici di vecchia data e di aver potuto finalmente accoppiare una faccia a tanti nickname conosciuti solo attraverso la mailing list. Pochi i toscani e molti da ogni parte d'Italia.
E' andata bene? Tutto sommato sì. Abbiamo mangiato assai bene, almeno così mi dicono tutti, sia a Borgo Magliano che a Castel Porrona, al Guastini di Pitigliano così come da Guido a Magliano in Toscana.
Durante i giri (on & off) tutto ok, anche se a volte abbiamo dovuto sollecitare le partenze interrompendo o saltando addirittura la visita di luoghi che meriterebbero tempi assai più lunghi. E di questo mi scuso con tutti voi, sperando che la brevità delle visite sia uno stimolo a ritornare in questi luoghi visitandoli con più calma.
L'unica cosa che mi rimprovero davvero è di essermi perso Raffaello (del tutto involontariamente, of course) durante l'attraversamento di Porto Santo Stefano. Visto dall'alto l'incredibile ingorgo che si presentava nella zona portuale, ho preferito deviare il gruppo su una strada interna che ci portasse comunque sulla panoramica dell'Argentario, senza attraversare l'abitato. Pensavo che Raffaello rimanesse dietro a tenere unita, come al solito, la fila delle moto. Invece si era avviato a precederci sugli incroci dell'itinerario originario ed io, mea culpa, non me n'ero accorto, tutto qui.
I percorsi erano molto belli (e non potrei affermare altrimenti, avendoli programmati noi)ed anche i temporaloni di sabato pomeriggio non hanno fatto gran danno. Anzi. La luce, durante il nostro rientro alla base, era magnifica: le colline, i paesi ed il mare in direzione della costa erano color dell'oro; il cielo scurissimo attraversato da un arcobaleno da manuale che avevamo di fronte non era da meno. Il tutto illuminato da una pioggia scintillante e dai fari delle nostre moto.
I dopocena. Anche qui che dire? Grazie all'esperto banditore Raffaello sia la pesca miracolosa di venerdì che la tombola di sabato si sono trasformate in eventi teatrali ed è in questa sede che ha avuto inizio, e spero anche fine, la famosa saga della ciabatta.
Passando a cose assai più serie l'incontro con il babbo e il fratellino di Elisa, a Pitigliano, è stato davvero molto toccante per tutti, anche per me e Silvia che abbiamo due bambini e non riusciamo neppure a immaginare quanto possa essere provata quella famiglia.
Mi scuso poi, con tutti voi, per non avervi potuto salutare come si doveva. Siamo rientrati a casa sabato notte alle 3 perchè il giorno appresso dovevamo andare a recuperare i nostri figli e siamo scappati, così dice Alessio (Nesta), come i ladri di Ponsacco (per chi non è toscano e di Pontedera, come me, il significato rimarrà purtroppo oscuro).
Mi sia permesso di ringraziare infine gli amici dello staff che hanno reso possibile, ognuno mettendoci del suo, il TT2009: Antonio, nostro prestigioso coordinatore su Papera Tonante, Walter e Daria, Raffaello, Alessio, chi ha potuto partecipare solo per un giorno ma si è dato un gran daffare prima (Gilberto e Claudio) e chi non ha potuto, sfortunatamente, partecipare affatto, come il nostro valentissimo webmaster Paolino. Chi, in qualità di new entry, come Maurizio (Tiburzi) e Barbara, ci hanno dato una grossa mano sul posto.
Infine, naturalmente ultima ma non ultima, ringrazio la mia Silvia (Rasenna che, per chi se lo domanda, è il nome con cui gli Etruschi chiamavano se stessi, il loro popolo).
Ai prossimi incontri. Tra breve le foto.

Libeccio

P.S. - per il Comitato: sono, in pectore, assolutamente dalla vs. parte; avete fatto proprio bene a tiraci le ciabatte!!!


Walter alias Geronimo

Il TT2009 è finito e siamo tutti nella via del ritorno.
Come sempre c'è un gran vuoto dentro. 
I percorsi sono finiti, gli Amici se ne sono andati, le risate, gli scherzi e le gioie dovremmo aspettare un prossimo incontro per riassaporarle.
Ma restano i ricordi, bellissimi, di un Incontro che come mai ha dato tanta allegria!
Ricordo Hammer, già a Magliano da 2 giorni, che ci accoglie con calore.
Ricordo l'emozione mia di Nuvola e di Libeccio e Raffaello all'accoglienza degli Ospiti.
Ricordo i primi arrivati Tiberio/Diana e Alberto/Elisa.
Ricordo le facce allegre di tutti gli amici che arrivavano contenti di esserci. Facce nuove e facce note come Guido/Patrizia, Norberto/Maria ecc ecc.
Ricordo l'arrivo degli altri Amici Staffettari Antonio "l'Omo Nero" e Nesta il "Fratello dhè"!!
Ricordo il Briefing e le prime ciabatte regalate, 
chi l'avrebbe mai detto che ste ciabatte diventassero la causa predominante di tutto il mare di risate che da li in poi ci siamo fatti?!?!
Ricordo il primo giro, le soste le visite il pranzo il sole a dispetto del giorno prima, il rientro felici che tutto fosse andato a meraviglia.
Ricordo la lotteria e come premio principe la "Ciabatta"
Ricordo il secondo giro, Sovana il pranzo a Pitigliano il papà di Elisa che ci è venuto a trovare l'Argentario con i colori della pioggia.
Ricordo le 2 ore finali passate sotto l'acqua.
Ricordo le sensazioni di tutti al rientro quando raccontavano i colori le visioni l'Arcobaleno, in quel momento ho sentito il vero spirito Lissta, il saper prendere sempre il meglio da ogni situazione.
Ricordo la cena e la tombola, da qualcuno definita a ragione "una serata da Cabaret".
Ricordo la mattina del 3 maggio con le prime partenze, le inevitabili sofferenze.
Ricordo l'ultimo pranzo davvero luculliano.
Ricordo la sagoma di Alessio quando nella via del ritorno mi passava di fianco salutandomi e allontanandosi.
Ricordo Antonio che arrivati a Ponticino mi salutava con un sorriso tirato appena intravisto dalla visiera.
Ricordo il piazzale di casa mia all'arrivo così piccino a confronto di quello di Magliano.
Tutto un bellissimo ricordo.
Ringrazio tutti gli amici intervenuti, sia gli alloggiati sia quelli che hanno fatto una toccata e fuga come, per esempio, gli amici romani Luca e Sharky con rispettive zavorrine, o il "Pazzo" Marco Morandino che, da Vercelli, è uscito di casa, dicendo alla moglie Cecilia che usciva a comprare le sigarette e si è ritrovato a Magliano... Pazzo!!!!! :-)))))
Nessuno escluso.
Se questo incontro è risultato così entusiasmante lo si deve anche e soprattutto a tutti Voi per la simpatia, l'allegria, la gioia e la pazienza dimostrata.
Ma non solo, voglio pubblicamente ringraziarvi per aver preso a cuore la difficile situazione di Elisa ed esservi così messi a disposizione durante le lotterie. Siete stati Grandi!!! 
Grazie dal profondo del cuore!
Ringrazio la Direzione del Residence Borgo Magliano e il suo staff Monika in testa, per la collaborazione e il fattivo aiuto che anche loro hanno messo a disposizione per Elisa.
Ringrazio un "gruppetto" di Angeli Custodi che hanno permesso al sottoscritto di partecipare.
Ringrazio tutte le persone che ci hanno coperto di complimenti, grazie perché ci fanno bene e serviranno per fare sempre meglio.
Un ringraziamento gigantesco a tutti i miei Amici Staffettari, tutti tutti quanti
Tiburzi e Barbara
Checco
Gilberto
Claudio
Raffaello
Antonio
Alessio
e l'Organizzatore Principe Libeccio che con la sua zavorrina Rasenna hanno, tra le altre cose, trovato percorsi bellissimi, ristoranti luculliani e Location impareggiabile!!
Non dimenticando il nostro Magico Web Master Paolino che ha saputo amministrare a dovere il nostro sito e purtroppo causa lavoro non è potuto essere con noi.
Per ultima ma non per imortanza, voglio ringraziare la mia dolce Zavorrina Nuvola che pazientemente mi ha seguito dietro al sellino durante le scorribande da staffetta. Ma la ringrazio soprattutto per essersi sobbarcata tutto il lavoro e la responsabilità dei conti.
Grazie Amore.
Grazie a tutti per le emozioni che avete donato sia a me che alla mia Nuvola e perdonatemi se mi sono dimenticato di qualcosa, e riguardo ai nomi non citati sono tutti scolpiti dentro al mio cuore.

A presto.
Geronimo & Nuvola


Albygallo

Col dovuto solito ritardo lavorativo, io e Eli ci tenevamo tanto a ringraziare tutti per gli splendidi giorni passati insieme.
Ci siamo divertiti come matti e ne avevamo davvero bisogno!
Eli è sempre più appassionata al fuoristrada, si è divertita da matti come zavorrina off, ora attende con impazienza che rimetta in "strada" il DRZ x usarlo, non vede l'ora di guidarlo da sè, quindi un ulteriore grazie va a tutti voi per questo, ho ripreso la speranza di riuscire a fare più di una/due uscite all'anno!!!! :-))))))))))))))

A presto, 
Albygallo & Galla
Niente ciabatte alla lotteria, solo caschi!!!:-))))))


Ant1 alias Antonio Salvagnoni

Dopo 3 giorni mi convinco di scrivere i miei ricordi e le mie
sensazioni, tutto (o quasi) quello che mi e' passato per la testa.
Questo incontro si prospettava per me ancora piu' ricco di tensione.
I 2 precedenti erano stati piu' facili, al RinasciTA ero solo di
staffetta, come battistrada c'era il Bobbe Marinai; al TT2008 ero si'
l'apripista ma ero nelle mie zone. Quest'anno ero l'apripista in posti
che avevo solo studiato al computer e c'ero passato solo una volta, e
in alcuni punti nemmeno mai passato.....
Mentre sono in viaggio per Magliano, il 30 aprile, mi ricordo dei
percorsi che ancora non ho visitato, dell'incognita fango intorno a
Montalcino, delle varianti per evitare l'asfalto per tornare verso
Magliano il 1 giorno ed evitare Scansano, decido quindi di non fare la
via piu' breve verso la location e seguire le tracce che faremo il
giorno dopo.
Arrivo all'albergo quasi tra gli ultimi, in proporzione alla distanza
sono sicuramente l'ultimo! e rivedo volentieri facce conosciute,
faccio la conoscenza con persone nuove delle quali pero' conosco ormai
tutto, difficile per me ricordare facce e nomi sul momento, ma i
cartellini di Walter sono utilissimi.
A tutte queste preoccupazioni iniziali alcuni giorni prima l'incontro
si sono susseguite una serie di comunicazioni con la Provincia, i vari
comuni interessati al nostro transito, le varie Polizie Municipali, la
Questura, poi navigando in internet la scoperta del MotoMorellino e la
tragedia dell'anno scorso.
Fattosta' che la mattina del 1 maggio alle 6,00 sono gia' sveglio,
vuoi la tensione, vuoi la curiosita' di vedere il cielo se era
nuvoloso o no, vuoi i miei compagni di camera "appena" rumorosi,
fattosta' che ci troviamo ad aspettare l'apertura del bar io Alessio e
Raffaello.....
Arrivano Claudio, Silvia e Manuel da Firenze, arrivano i 2 amici
iscritti all'ultimo momento, col GS e la Ktm690SMC; arriva Capitan
Orco da Pontassieve, arriva il Falsiroli partito alle 3,00 da
Verona!!!!
Il culmine della mia tensione lo raggiungo con la visita del
maresciallo dei carabinieri la mattina del 1 maggio..........
Poi finalmente si parte. i primi km ad agevolare il gruppone, poi ci
separiamo per fare i nostri percorsi, e anche li nuove preoccupazioni,
le transalp con le zavorrine, il GS con le anakee, come se la
caveranno?? Tutto fila liscio nel primo tratto, appena trovo un breve
tratto piu' scosceso del normale, mi fermo e faccio notare al gruppo
che ci saranno anche tratti in questo modo, nessuno si spaventa, ma
non sono tranquillo.
Appena superato l'unico tratto piu' impegnativo fermo la moto e scendo
per andare incontro ai miei compagni di viaggio, vedo che tutti
superano l'ostacolo di slancio, senza preoccupazioni ne' timori, mi
convinco che siamo un bel gruppo, molto omogeneo e non ci saranno
grossi problemi, per come mi ricordo le strade che faremo.
Dopo la prima vera sosta decido di fare una "allungatoia" girando
intorno al monte Labbro, qui troveremo tanti cavalli al pascolo che
decidono di mettersi tra noi creando qualche apprensione e timore,
facendoci pero' scattare delle foto stupende.
Purtroppo non seguo perfettamente la traccia sul GPS e dobbiamo fare
un po' di asfalto "non previsto", perdiamo alcuni km di sterrato ma
guadagnamo tempo per il puntello con il gruppo asfalto. Aiutato dal
grande Claudio arriviamo al puntello con largo anticipo e decidiamo di
andare incontro agli altri, Nesta in primis che pur di non far provare
la moto a Bibo e' sempre in movimento!!
Finalmente arrivano gli scansasassi, iniziavo ad essere preoccupato
perche' al telefono ne Walter ne Libeccio rispondevano, non si sentiva
nessun rumore di moto in arrivo; appena intravediamo la Transalp di
Libeccio il gruppo off riparte alla svelta senza nemmeno far venire il
pensiero di fermarsi al gruppo asfalto; ancora ci aspettano alcuni km
di sterro e altri di asfalto, iniziamo ad essere in ritardo con i
tempi di marcia.
Alla fine del percorso off obbligatorio per tutti, ci fermiamo ad
aspettare il resto del gruppo nell'abitato di Cinigiano, al
distributore. Ormai che siamo fermi ad aspettare, facciamo benzina, vi
lascio immaginare l'argomento piu' gettonato al momento..... quanti
litri ci staranno nei vari serbatoi? ;-))))
Ricompattato il gruppo ci dirigiamo al posto designato per il pranzo,
il Castello di Porrona. Gia' visto durante le ricognizioni, ma il
ristorante ci aveva riservato una bella sorpresa: sosta moto nel loro
capanno dei mezzi agricoli e apparecchiatura dei tavoli nella loro
resede all'aperto.... uno spettacolo!!!
Ottimo il pranzo (lungo come al solito) e ripartenza verso l'Abbazia
di Sant'Antimo e Montalcino.
Purtroppo una festa paesana non calcolata ha fatto si che il gruppo
off seguisse lo stesso percorso del gruppo on per qualche km in piu'
del previsto, per poi riprendere la direzione programmata.
Il pomeriggio lo abbiamo passato a giro tra i boschetti e i vigneti
dei Frescobaldi, dei Banfi, con un paio di pozze a cercare di
movimentare il percorso, ormai tutto asciutto e polveroso. Arrivati al
punto di ritrovo a Poggio alle Mura abbiamo atteso pochi minuti, il
gruppo on era puntuale! e abbiamo lasciato gli amici scnsasassi per
andare a provare a guadare l'Ombrone, purtroppo le piogge dei giorni
precedenti avevano gonfiato il fiume ed era impossibile attraversarlo.
Fatto dietro front ci siamo diretti verso l'albergo, convinti che il
gruppo on fosse davanti a noi, la nostra andatura era allegra, ad ogni
bivio o incrocio bastava rallentare e aspettare pochissimi istanti che
i miei compagni di viaggio erano pronti ad aspettarsi l'uno con
l'altro, pur di non perdersi e rovinare la bellissima giornata. Le
raccomandazioni fatte la sera prima al briefing erano state ricevute e
messe in pratica. Bravi!
Tralascio i dettagli delle strade del ritorno, curve e controcurve in
salita, discesa, tratti asfaltati alternati a tratti sconnessi, il
doppio guado obbligatorio e lo sterratone finale fino al Castello di
Montepo', le foto scattate quando iniziavamo ad essere cotti, e la
sosta e' stata provvidenziale, gli ultimi 3 km di sterrato fatti con
rammarico perche' la giornata stava finendo, il tratto asfaltato
finale che avevo fatto per la prima volta il giorno precedente per
arrivare all'albergo.
Quando siamo arrivati all'albergo credevo che l'altro gruppo fosse
arrivato da tempo, e invece non vi dico la soddisfazione nel vedere
che eravamo i primi! Non come anno scorso che eravamo in perenne
ritardo!!! :-) 
Prima di tornare all'albergo andiamo a fare benzina e scopro che nel
serbatoio della mia SE (14 litri dichiarati dalla casa) ci entrano 50
euro di benzina!!! ci sono le fotooooo!!!
Finalmente conosco Luca Gagliardi, e' venuto da solo lasciando pero'
la famiglia, la testa e gran parte del cuore, a casa. Grazie per
essere stato con noi.
Non vi racconto la serata della lotteria, non sarei nemmeno in grado
di raccontarla, non riuscirei a ricreare l'atmosfera che abbiamo
vissuto.
La mattina dopo sono di nuovo sveglio alle 6.00, mi preparo subito in
tenuta da off, prendo la moto e vado in paese. Sono solo in giro, mi
fermo al bancomat, mi fermo ad un bar a fare colazione, guardo a che
ora apre la farmacia per Geronimo, torno verso l'albergo e vedo un
cartello: olivo millenario della strega, torno indietro, vado a
vederlo e scatto qualche foto, e' impressionante vedere una pianta del
genere, ho scattato qualche foto ma non rendono l'idea della bellezza
della pianta.
All'albergo arrivano Gilberto e Francesco col nuovo GS, arriva Marco
Morandino con l'adventure 990 (partito alle 3,00 da Vercelli), i miei
2 amici del forum di LC8.org
Finalmente partiamo, con il classico ritardo di 20 minuti e ci
separiamo subito dal gruppo asfalto, le nostre strade si dividono
subito e ci rivedremo a Pitigliano per il pranzo. Alla prima stradina
sterro l'amico col GS si sdraia facendosi male ad un ginocchio e dopo
il tratto "da palati fini" ci lascera' insieme all'amico con la nuova
Adventure R. Anche Luca Lwyer e Silvia decidno di appoggiare le moto
in terra, ma sono inconvenienti di poco conto e ripartiamo subito.
Oggi non ho problemi col GPS, ho le idee ben chiare in testa, non ci
perdiamo nemmeno una volta :-) e tutto procede alla grande, purtroppo
il ritardo accumulato mi convince a salutare un bello stradone (che
faremo pero' nel pomeriggio) per guadagnare tempo, gli sterratoni che
ci aspettano non devono essere persi per nessuna ragione al mondo!!!
Le strade che percorriamo sono bellissime, saliamo e scendiamo 4
montagne, curve e controcurve su asfalto bello ruvido che tiene alla
perfezione, una gioia guidare su quelle stradine, nemmeno una macchina
abbiamo trovato!
Finalmente poi il bosco, anzi, IL Bosco, quanto di meglio possiate
immaginare con la parola bosco, salite diritte con ghiaia, tratti con
la terra portata via dalle piogge e con pietre ben piantate in terra,
tratti in terra umida completamente immersi nel verde di conifere,
tratti in terra in mezzo ai castagni, km di strada con ghiaia nel
crinale delle colline, e poi la sosta al laghetto con la fontana per
abbeverarsi.
La sosta serve ai piu' per rimirare la moto di Alessio, ad ogni
fermata ha sempre la sella tirata su! quando ripartiamo Alessio deve
ripulire la moto dalla bava dei partecipanti!!
I km di asfalto verso Pitigliano servono a qualcuno per dare sfoggio
delle sue abilita' di supermotard, scansiamo un rospo che attraversa
la strada, sosta foto a Sorano, la citta' del tufo, arriviamo questa
volta al pranzo che siamo in ritardo, il gruppo on e' andato a giro
per il paese mentre aspettava l'ora del pranzo, noi arriviamo precisi!
A pranzo incontriamo il Babbo e il fratellino di Elisa, il nostro
applauso li accoglie e io mi commuovo, non chiedetemi perche', se ci
ripenso mi rivengono le lacrime.
Dopo pranzo i 2 gruppi si dividono di nuovo, ma questa volta gli
"irriducibili" sono solo 4, Alessio, Bibo, Luca e io; gli altri
vogliono andare tutti a vedere le bellezze dell'Argentario, se non
fosse per tutti quei km di asfalto!!!
Noi 4 rifacciamo il percorso del mattino, questa volta il passo e'
ancora piu' spedito del mattino e facciamo anche i tratti tagliati, ci
permettiamo anche di fare una piccola "allungatoia" con l'incontro di
2 splendidi esemplari di caprioli adulti e qualche lepre.
Purtroppo il cellulare di Luca non smette di suonare, 53 chiamate
perse!!! Nell'affrontare una curva Luca si distrae e fa una bella
strisciata in terra, ad Alessio che e' dietro gli diventano i capelli
bianchi nel vederlo scivolare verso l'esterno curva, per fortuna non
proviene nessuna macchina in senso contrario ed all'esterno curva c'e'
solo un bel prato verde. Come dice Bibo, meglio di cosi' c'era solo il
"non cadere".
Nella caduta pero' si rompe la leva del freno anteriore e decidiamo di
riprendere la via di casa ad andatura moolto blanda, io avanti una
50ina di metri per far capire la strada, Luca con la scorta di Bibo e
Alessio a chiudere il gruppo. Il tempo intanto non promette nulla di
buono e nuvoloni neri si appostano sopra di noi.
Fortunatamente arriviamo all'albergo senza prendere una goccia
d'acqua, sono le 19,15 e anche stasera non c'e' anima in giro! Yeah!
peccato che l'umore non e' dei migliori per la caduta e lo scampato
pericolo.
Peccato pero' che i riflessi di Luca, gia' provato per tutta la serie
di eventi avversi degli ultimi giorni, per i km fatti e per le 53
telefonate perse, erano ormai appannati e al momento di fermarsi ha
deciso di parcheggiare "lato collina", meglio del parcheggio del
Bostro di anno scorso!!
Alle 19,20 ha iniziato a piovere al Borgo Magliano, proprio mentre
ricaricavamo la TA di Luca sul carrello.
La serata ha avuto il suo culmine con la tombola, col "comitato ANTI
CIABBBATTE", con la consegna delle poche rimaste maglie del
"Tassellato D.O.C.G." scusatemi se non ho pensato di farle rifare, non
credevo avessero avuto tanto successo, provvedero' per la prossima
volta!
La domenica alle 6,00 ero di nuovo sveglio, la tensione delle mattine
scorse aveva lasciato il posto al rammarico per le partenze e i
saluti.
La mattina libera, senza obblighi di tempo credo sia stata apprezzata
da tutti, abbiamo avuto la possibilita' di visitare Magliano, la sosta
prevista per noi nei posti riservati al raduno del Moto Morellino ci
ha permesso di parcheggiare a 2 passi dal centro, appena fuori le
mura.
Il pranzo da Guido nel centro storico e' stato favoloso, le portate
ottime e abbondanti, peccato che quel verdicchio delle marche sia
rimasto da una parte della tavolata! sgrunt!
Il pomeriggio siamo tornati all'albergo a caricare le nostre borse,
gli ultimi saluti con chi non voleva piu' andarsene. Poi con Alessio,
Daria e Walter siamo andati a saldare i conti con il direttore
dell'albergo Borgo Magliano, una persona squisita, secondo me quando
avra' il figlio un po' piu' grande, diventera' un Lisstaiolo anche
lui. Lo aspettiamo!!
Un ultimo pensiero: abbiamo trovato un bellissimo posto per la
location, abbiamo trovato dei percorsi che sono piaciuti moltissimo,
ma senza la partecipazione di tutti voi, non ci sarebbe stato tutto
questo successo...... Grazie LISSTAIOLI, Grazie LISSTA !

Ant#1


Massimo Chimenti alias Tiburzi

Gia da sabato notte avrei voluto scivere scrivere scrivere sulla mia/nostra esperienza listaiola...................ma un problema mi ha bloccato, le parole che a differenza di altre volte non mi mancavano ma ne avevo in abbondanza tanto da non sapere da che parte farmi..........
Nei giorni che sono seguiti non ho perso occasione per leggere le mail che sono state scritte, avrei voluto rispondere una ad una ma il problema si riproponeva di volta in volta. 
Stasera mi sono deciso e vi dico solo due cose:
- vorrei essere padrone del tempo e ripartire dall'inizio per rivivere questa esperienza;
- non vedo l'ora di partecipare al prossimo incontro, che per noi sara Il Cupolone" dove spero di incontrare di nuovo molti di voi.
In mio nick name Tiburzi è legato all'omonimo "BRIGANTE" della Maremma anche a dimostrazione di quanto io sia legato a questa terra e alle sue tradizioni e quanto apprezzi quello che voi tutti avete scritto cose che io già conoscevo ma che ho apprezzato ancora di più. Grazie veramente di cuore agli organizzatori e a tutti i partecipanti che mi hanno dato lo spunto per entare in un mondo di amici di cui avevo solo sentito parlare e di cui ora parlo, probabilmente destanto anche un pò di invidia in chi mi ascolta, invidia che spero si trasformi in partecipazione ai prossimi incontri. 
P.S. C'E QUALCUNO CHE PRESO DALL'ENTUSIASMO MI HA CHIESTO SE E' POSSIBILE AVERE UN PAIO DI CIABATTE


Francesco Martello alias Hammer

Premetto che scrivere mi piace ma non sempre l’ho fatto, questa volta faccio un’eccezione.
Il mio Terre Toscane inizia addirittura il sabato 25 Aprile,.
quando parto da Varese alla volta di Grosseto per fare da assistenza 
A degli amici iscritti alla Siena - Follonica che si disputa Domenica
Pur essendo partito non in contemporanea con gli altri, casualmente arriviamo 
nello stesso istante a casa di Stefano che ci ospiterà per i due giorni successivi,
nel frattempo mi ero già messo in contatto con Rasenna e Libeccio, 
per verificare la possibilità di soggiorno anticipato nella location 
di Magliano in Toscana, infatti ero partito in auto con carrello al traino
con sopra la Transalp, ero fiducioso che comunque una sistemazione l’avrei trovata,
poi sentendo le previsioni meteo a casa non avevo gran che di voglia di tornarmene a Varese.
come speravo Libeccio mi conferma la possibilità di soggiorno a Magliano, e dopo una vista a casa loro, mi accompagna all’hotel,il posto e veramente bello con dei panorami stupendi si mangia e dorme bene.
L’attesa dell’inizio del Terre Toscane e stata notevolmente rilassante e ne avevo bisogno, 
ho vagabondato in giro a caso ed ho riempito occhi, cuore, anima di vedute, borghi, luoghi 
veramente belli e indimenticabili.
Inizia il TT, il primo ad arrivare e dopo di me naturalmente Geronimo e Nuvola.
E via tutti gli altri e bello veder arrivare tanti amici da tutta Italia tanti si conoscono da qualche tempo altri da meno ma comunque ti riconoscono lo stesso, è una bellissima sensazione e come una bella riunione di famiglia e la sensazione da me percepita e stata quella di essere a casa.
Tutto il proseguimento dell’evento e stato come già scritto da altri un susseguirsi di ciabatte, risate, ciabatte,battute,comitati anti ciabatte, Franz in mutande tutto degno da serate di cabaret Zeilig.
Poi arriva il momento dei saluti cerchi di salutare tutti in maniera da rimandare la partenza, 
il più possibile , ma non trovi tutti e ti accorgi che qualcuno e già partito o non c’è e avresti voluto calorosamente , pazienza ci sarà un’altra occasione.
Durante il viaggio di ritorno è un susseguirsi di ricordi dei giorni passati che mi mettono di buon umore, e pensi già al prossimo incontro azzz…. Troppo lontano no problem il tempo vola
Al prossimo incontro si ricomincia 
Un grazie a Libeccio e Rasenna per la disponibilità e per l’organizzazione, 
a tutto lo staff e a tutti i partecipanti 
Grazie Lissta
Hammer