• IMG 3765
  • DSC 0045
  • Pano 0013
  • IMG 1980
  • pa151905
  • IMG 3753
  • IMG 2012
  • IMG 6223
  • lissta2013
  • dsc 0018

Il cavallo della libertà

Autore : Braveheart

Come indomiti cavalcatori, salgono su quel cavallo a due ruote e un motore rombante.
Sono i nuovi cavalieri.

Cavalcano per praterie e giungle di cemento, nessuno li ferma.
A volte raminghi e solitari amano avventurarsi su alti monti o lungo
colline sperdute, alla ricerca di paesaggi da immortalare;
Altre volte accompagnati da dolci principesse, che come zavorrine stanno
in sella allo splendido cavallo, cercano sperduti paesaggi di mare, di
laghi, di monti e di pianura dove poter sentirsi fuori dal mondo;
Spesso i nuovi cavalieri accomunano le proprie mete dove, legati i
cavalli a motore in solitario parcheggio, si stringono in taverne con
cibi abbondanti e bevande a fiumi per dissetare le gole proprie e delle zavorrine.
Come gli antichi cavalieri portano un'armatura che gli copre i gomiti,
le spalle e la schiena, a volte le ginocchia. Stivaletti ai piedi e
l'immancabile elmo, che a volte copre interamente la testa e altre volte
viene aperto per mostrare il mento agli avversari, con lo sguardo fiero
e felice di chi sa vivere.
Da moderni cavalieri amano avere un giusto contenitore in fondo alla
sella, a volte altri ai lati o davanti a loro e se occorre anche sopra o
dietro la zavorrina: non si sa mai ove il cavallo a motore può portare,
e avere buoni vettovagliamenti è necessario.
Difficilmente il cavallo si imbizzarrisce, ma non tentatelo, gli basta
poco e il cavaliere muovendo una mano non solo lo fa alzare ma lo lancia
in un galoppo interminabile, instancabile ed infinito ...
Ci sono le soste per abbeverare il povero cavallo e rifocillare il
povero cavaliere, ma se fosse per loro mai poserebbero i piedi a terra.
Molti si spacciano per cavalieri, ma pochi hanno il cavallo adatto. E'
un cavallo che graffia con la sua linea alzata, non teme nessun terreno
anche se sta al cavaliere che lo cavalca approcciarsi per impervi
sentieri, affronta senza paura immense strade di scuro catrame, ma la
sua fedeltà la trova su strade ricche di curve e tornanti che si
innalzano come le Alpi. Il cavaliere pure, quando ne va fiero, non teme
pericoli umidi o acquosi, non li vorrebbe, ma non lo trovano impreparato
e li affronta a viso aperto e la visiera chiusa ;-))), col freddo si
copre, col caldo si scopre, ma la sua armatura lo protegge sempre e
lanciato come il vento, apre l'aria e vola verso l'infinito, verso la libertà ...
E' il cavallo della libertà, è il TransAlp ...

Braveheart (16/05/02)